Archivio mensile:settembre 2013

IL NULLA A NORMA DI LEGGE

logopd                                                  logocittadinisenzafili

IL NULLA, A NORMA DI LEGGE.

 

Hanno scritto di recente: “La Città ha la sensazione che Sindaco e Giunta vivano una “vita straniera“ nel Comune nel quale abitano come in “terra d’esilio ” e di “prigione”. Tradotto: “come metto le mani avanti per giustificare con il complotto, una ordinaria e semplice incapacità di amministrare.”

Alcuni esempi.

L’ordinanza di chiusura del canile privato sito in contrada Chiricona: non eseguita e difficilmente eseguibile, il canile è ancora lì.

La delibera per il trasferimento degli uffici comunali presso il palazzo di Tribunale di Modugno: inefficace! Il Ministero della Giustizia, conferma l’utilizzo della sede e decreta che la sezione di Modugno è sede articolata del Tribunale di Bari. Quindi la Delibera è inefficace, non eseguibile, adottata su presupposti inesistenti: gli uffici comunali restano dove sono.

La Questione Tares: è colpa del  Governo e Commissario! Mentre la Giunta il 25 luglio si limita a chiedere, inutilmente, al dirigente di poter rinviare la scadenza della prima rata al 30 settembre, la Minoranza chiede e ottiene un CC sul tema. Il 7 settembre vengono accolte all’unanimità tutte le proposte avanzate dalla minoranza. Rinvio prima rata al 30 novembre. Il 18 settembre la minoranza ha chiesto una ulteriore  convocazione di Consiglio Comunale, al fine di consentire il rinvio di alcune rate Tares al 2014.

La Raccolta differenziata: è colpa di tutti quelli che sono venuti prima! Intanto nell’ARO BARI 2, Modugno è capofila e le proposte del sindaco di ingaggiare un esperto per il bando di gara sulla nuova raccolta dei rifiuti non se la fila nessuno. Ma siamo fortunati: abbiamo un sindaco che andrà a difendere la Città direttamente lui, nell’arbitrato contro la Modugno scrl inadempiente. Spending review in salsa comunale. Esiste ancora un Ufficio legale?

L’ex cementeria: è ancora una bomba ecologica?

I servizi sociali: esiste ancora un’emergenza sociale? Quali sono le idee per il nuovo piano sociale di zona?

Le Attività produttive: non pervenute. L’assessore è la stessa dedicata alle politiche ambientali e non è ubiquitaria. A meno che non si voglia considerare seria l’iniziativa sulla OM Carrelli: c’è la cooperativa, ci sono gli imprenditori, fate fare a noi! La Kion però ribadisce: “ma quando mai, l’attività è nostra e il capannone pure.” Un po’ di pubblicità è stata garantita, gratis e sulla pelle degli operai, che intanto devono difendersi in un processo.

Le Politiche scolastiche: sconosciute. Dopo aver garantito alle famiglie che non si chiudeva il plesso della scuola media Francesco d’Assisi, l’assessore ha dimenticato che entro l’avvio delle iscrizioni per l’a.s.’14-’15, bisogna decidere cosa fare sul dimensionamento scolastico.

La maggioranza. Sembra il Muppet show. Il sindaco fa il ventriloquo e la maggioranza fa finta di abbozzare discorsi. Imbarazzante! Lo stesso imbarazzo che dovrebbero provare quei consiglieri di maggioranza già presenti, a vario titolo, nelle passate amministrazioni.

La Presidenza del Consiglio. Presidente, il Consiglio Comunale è cosa seria, non è un’assemblea di condominio! Si sforzi di garantire democrazia e terzietà!

Infine, lui. Il Sindaco. Già alla storia le sfuriate: verso i vigili urbani per i fuochi pirotecnici durante il suo comizio, in ufficio verso i dipendenti, in giunta verso gli assessori, in Consiglio per il microfono che non funziona. Suggerisce di elaborare il lutto, ma il lutto è tutto suo: non si è ancora fatto una ragione che  è morto il suo  ruolo  di oppositore a prescindere. Ora è costretto a governare: è un terribile complotto! 

 

IL NULLA, NEL RISPETTO DELLA LEGALITÀ E IN OSSEQUIO ALLA COSTITUZIONE.

In fondo sono lì solo da quattro mesi. Un po’ di pazienza!!!

 Modugno, 27/09/2013

 

Comunicato stampa 25 settembre 2013

Modugno, 25/9/’13

COMUNICATO STAMPA

Dopo aver richiesto un CC che ponesse all’ordine del giorno una discussione sulla possibilità di rinviare alcune rate TARES al 2014, la minoranza aveva auspicato di celebrare un unico CC in cui si modificasse il Regolamento Tares già adottato con deliberazione commissariale. Nonostante questa palese inefficienza dei lavori del CC, nel corso del cc odierno la minoranza ha formulato ulteriori proposte migliorative del regolamento stesso, con previsione di ulteriori agevolazioni e chiarimento di alcuni articoli e ha chiesto, con spirito costruttivo, di prevederne l’approvazione in occasione del  prossimo cc. Infatti è già previsto, a breve, un CC per discutere il possibile rinvio di alcuni pagamenti al ’14. Questa possibilità è stata assurdamente negata, invocando ancora una volta improbabili sospetti e negando, invece, l’attendibilità delle proposte formulate, così come riconosciuto nel corso del cc stesso. Inoltre la minoranza ha verbalizzato la raccomandazione di evitare di incorrere in ben tre vizi di forma, che rischiano di invalidare l’adozione delle modifiche stesse, con evidente danno per i cittadini: 1) il ritardo con cui è stato depositato il parere del Collegio dei Revisori dei Conti sul Regolamento modificato; 2) l’errata modalità di votazione con cui la maggioranza avrebbe adottato oggi le modifiche, ovvero votazione unica dell’intero regolamento modificato anziché, come previsto dal regolamento del CC, la propedeutica votazione di ciascun articolo modificato; 3) la mancata votazione dell’ immediata eseguibilità delle modifiche apportate al Regolamento. La minoranza rimarca che tutte le modifiche apportate al Regolamento Tares, all’OdG oggi, erano state proposte nell’atto di indirizzo votato all’unanimità nel corso del CC del 7 settembre, richiesto peraltro dalla minoranza stessa. Oggi la minoranza ha abbandonato l’aula, prima del voto, in segno di protesta verso l’arroganza e la superficialità dell’amministrazione e della maggioranza, che di fronte a proposte concrete e accettabili e in totale disprezzo delle regole democratiche, continuano a opporre inutili prove muscolari. Ci auguriamo che di queste prove di forza e dei vizi di forma segnalati non ne facciano le spese i cittadini ignari.

SANSEVERINO STELLA

PENTASUGLIA FRANCESCO

SILVESTRI BARTOLOMEO

BARILE RAFFAELE

CRAMAROSSA FABRIZIO

RUCCIA PASQUA

FRAGASSI SAVERIO

MAURELLI ANTONELLO

VASILE LORENZO

Comunicato Stampa: TARES nuova richiesta di C.C.

Modugno, 19/9/’13
COMUNICATO STAMPA 
Con Risoluzione 9 settembre 2013, n. 9/DF, il Dipartimento delle Finanze ha specificato che il Comune può rinviare al 2014 la scadenza di una o più rate di Tares dovuta per il 2013. Il chiarimento si è reso necessario a seguito dell’incertezza normativa che si è determinata al fine di evitare ai contribuenti un eccessivo onere fiscale concentrato negli ultimi mesi del 2013. Come indicato nella Risoluzione, dalla lettura coordinata delle norme emerge, inoltre, che deve essere in ogni modo versata entro la fine dell’anno la maggiorazione standard di 0,30 euro per metro quadro (quota riservata allo Stato, il cui gettito deve essere quantificato con certezza e contabilizzato nel bilancio dello stato nell’esercizio 2013);
Dopo aver richiesto un CC che ponesse all’ordine del giorno l’esame e il dibattito generale sul Regolamento TARES adottato con deliberazione commissariale e dopo aver celebrato quel CC in data 7 settembre col risultato di predisporre un atto di indirizzo in cui sono state accolte tutte le loro proposte, i CC di minoranza
 
SANSEVERINO STELLA
PENTASUGLIA FRANCESCO
SILVESTRI BARTOLOMEO
BARILE RAFFAELE
CRAMAROSSA FABRIZIO
RUCCIA PASQUA
FRAGASSI SAVERIO
MAURELLI ANTONELLO
VASILE LORENZO
 
nel corso del CC del 18.9 hanno messo agli atti la richiesta di un ulteriore CC che consenta di adottare la risoluzione del Dipartimento Finanze con rinvio delle rate tares al 2014, con il seguente OdG:
 
“Modifica del Regolamento del Tributo Comunale sui Rifiuti e sui Servizi nel territorio di Modugno (adottato con deliberazione commissariale n. 50 del 14/5/’13  e successiva determinazione delle tariffe relative, per l’anno 2013, adottata con deliberazione commissariale n. 81 del 4/7/’13) al fine di applicare la previsione di cui alla risoluzione del 9 settembre 2013 n. 9/df .”
 
La minoranza, particolarmente attenta ai problemi e alle criticità della città, promuove iniziative concrete, nel solo interesse dei cittadini.

La Confesercenti di Bari incontra Modugno

La Confesercenti Provinciale di Terra di Bari è un’Associazione senza fini di lucro che rappresenta le imprese commerciali, turistiche e dei servizi che si riconoscono nelle finalità ideali dell’Associazione e ne accettano  lo Statuto.In conformità a quanto previsto dallo Statuto, l’Associazione elabora la politica sindacale a livello provinciale e decide le conseguenti iniziative, tutela gli interessi degli associati nel rispetto dei principi sanciti dalla Costituzione, promuove e sostiene l’attività sindacale delle categorie rappresentate.
La Confesercenti fornisce agli associati un’ampia offerta di consulenze, opportunità e servizi pensati e costruiti su misura per consentire agli imprenditori di lavorare in modo proficuo e sereno stando al passo con la crescente competitività dei mercati.

Giovedì 19 settembre alle ore 17.30  

Ospiti del  ristorante De Amicis in p.za  De Amicis

Si terrà un incontro con operatori commerciali e turistici di Modugno.

Partecipano

dott. Beniamino Campobasso –presidente della Confesercenti di Bari

dott. Nicola Caggiano direttore  regionale Confesercenti Puglia.

Siete invitati

Il comitato promotore di Modugno

Incontro con gli Olivicultori di Modugno.

Il giorno 18/09/2013 alle ore 19:30 presso la sede del Partito Democratico sita in Via Vitangelo Maffei, 3 a Modugno sarà ospite Gianluigi Cesari responsabile del Dipartimento Regionale settore agricoltura nonchè consiliere delegato al comune di Bari – Settore agricoltura. Si parlerà di olivicoltura e problematiche annesse. di possibilità di accedere a finanziamenti regionali in favore per esempio di bio-agricoltura.

Modugno: da città dei frantoi a città del nulla ripartiamo dai nostri olivicultori.

La cittadinanza è invitata. non cancate.

 

Nominata la nuova Segreteria di Partito

 Il Segretario cittadino del Partito Democratico Tania Di Lella nomina la Segreteria.

Nella riunione del Coordinamento e simpatizzanti svoltasi qualche giorno fa, la coordinatrice cittadina PD ha presentato la sua segreteria.

Dell’organismo ne fanno parte:

Michele Trentadue (Insegnante), Enzo Fanelli (Pensionato Enel), Ida Greco (Avvocato), Tonio Cafagno (dott.Informatico) Tania Plantamura (laureanda Architettura), Gaetano Amatulli (Sottoufficiale G.di F.) Gaetano Nevola già nominato qualche mese fa Tesoriere (dipendente Ministero della Giustizia)

Ho voluto fare una segreteria di 6 persone, afferma la Di Lella, il più possibile collegiale e con competenze diverse.

Infatti, continua la Di Lella, nei prossimi mesi ci saranno varie scadenze e un gran lavoro da fare su molte questioni di politica comunale, da affrontare in modo pieno.

 Intendo, inoltre, assegnare delle deleghe tematiche per seguire alcune questioni importanti come Politiche per il Lavoro, occupazione, Tares, Scuola e urbanistica.

Iniziativa importante che a breve organizzeremo continua la Di Lella, è quella che riguarda il progetto di interramento delle ferrovie Appulo Lucane (la gara per i lavori è stata pubblicata il 9 settembre) nel tratto di attraversamento di Modugno.

Un’opera di straordinaria importanza che cambierà radicalmente la viabilità e la vivibilità di quella parte della città. 

 

Comucato Stampa dopo C.C. del 07 settembre 2013

Modugno, 8.9.’13

COMUNICATO STAMPA

I Consiglieri comunali Ruccia, Pentasuglia, Sanseverino, Silvestri e Cramarossa comunicano che nel corso del Consiglio Comunale richiesto dall’intera minoranza in data 21 agosto e celebrato in data 7 settembre, è stata svolta un’ampia ed esaustiva discussione sul tema della tassa sui rifiuti e servizi denominata Tares. I sottoscritti consiglieri comunicano di aver formulato le seguenti proposte, divenute tutte parte integrante dell’Atto di indirizzo votato poi all’unanimità dal Consiglio Comunale. Con tale Atto di indirizzo il Consiglio Comunale si è impegnato a modificare nel più breve tempo possibile il regolamento Tares, adottato con delibera commissariale.

ATTO DI INDIRIZZO

Predisporre un provvedimento consiliare di modifica al regolamento Tares vigente che contemperi le seguenti esigenze:

  1. Prevedere agevolazioni in favore dei nuclei familiari      titolari di un reddito imponibile irpef da € 8.001,00 a € 15.000,00;
  2. Prevedere che tutte le agevolazioni siano fruibili      dai cittadini che produrranno istanza entro il 30.11.’13, sin dal corrente      anno;
  3. Prevedere che si considerino regolarmente eseguiti      i versamenti relativi alle scadenze del 31.7 e 30.9, purchè effettuati      entro il termine del pagamento della terza rata del tributo scadente in      data 30.11.’13;
  4. prevedere la rivisitazione      dell’agevolazione di cui all’Art 23. c.8 (riduzione tariffaria per le aree      adibite a parcheggio coperto, annesse e pertinenziali ad attività      economiche, aventi superficie superiore a mq 5000);
  5. L’eventuale aumento della percentuale di riduzione      della parte variabile della tariffa di cui all’art. 20 (maggiori incentivi      al compostaggio domestico);
  6. Che venga allargata in questa fase la fascia oraria      di apertura dell’ufficio tributi, compatibilmente con le disponibilità del      comune.

F.to

Sanseverino Stella

Pentasuglia Francesco

Silvestri Bartolo

Ruccia Pasqua

Cramarossa Fabrizio 

 

Comunicato stampa: TARES

Modugno, 04/09/2013

Spett.le Redazione

Comunicato stampa

 

Oggetto:CC del 07/09/2013 sul tema della Tares

La minoranza ha chiesto di convocare con urgenza un CC sul tema della Tares in data 21 agosto. L’urgenza si è risolta in una convocazione a distanza dei quasi venti giorni previsti dal regolamento, il 7 settembre, alle 18,00 del sabato, quando un CC costa decisamente di più, poiché obbliga i dipendenti comunali allo straordinario, col rischio di sforare la mezzanotte e impegnare risorse anche per la domenica. La data è stata inoltre stabilita d’imperio dalla Presidenza del CC, senza convocare una conferenza dei capigruppo, come avviene per prassi.

La maggioranza è assente e consente di travolgere il regolare processo democratico.

Si invita la Presidenza del Consiglio Comunale ad assumere le funzioni che la legge e i principi fondamentali del nostro sistema costituzionale le assegnano: garantire il regolare funzionamento dell’organo collegiale democratico per eccellenza e cioè la massima espressione di tutta la cittadinanza nelle sue diverse componenti, proprio per assicurare il confronto tra maggioranza e opposizione e non soffocarlo o, peggio, eluderlo, facendosi scudo della biega e vuota osservanza di regole che vanno applicate correttamente e non solo “lette”.

Il rispetto dei principi costituzionali passa innanzi tutto dal rispetto delle regole che assicuri il confronto democratico, altrimenti bisognerà pensare che questa maggioranza di democratico ha ben poco e teme un confronto aperto e leale, volendo appropriarsi delle iniziative sollecitate dalla minoranza per eludere la sua responsabilità primaria: rispondere alla città indicando soluzioni ai problemi.

Dall’Amministrazione ci si aspetta concretezza e tempestività, e che sul tema della Tares vengano ascoltati tutti, anche sindacati e forze produttive e che promuova una partecipazione reale della città.

Dalla Presidenza del Consiglio Comunale ci aspetta, invece, il consapevole svolgimento delle proprie funzioni istituzionali ricoperte, e non un mero  svolgimento di incarico e, per di più, di parte.

 Con preghiera di massima diffusione, ringraziamo

 Lella Ruccia                                 Fabrizio Cramarossa

Consigliere                                            Consigliere

Movimento Cittadini senza Fili            PD – Modugno