Archivio mensile:maggio 2014

IL SINDACO NICOLA MAGRONE? ASSENTE INGIUSTIFICATO!!!

Il 20 maggio scorso il Presidente del Consiglio dei Ministri Matteo Renzi ha visitato la sede modugnese della Merck Serono.

La multinazionale farmaceutica, nell’occasione, ha annunciato investimenti per oltre 50 milioni di euro destinati proprio allo stabilimento sito nella nostra zona industriale.

“Oggi è una bella giornata perché una grande azienda annuncia un grande investimento in questo territorio, che significa posti di lavoro, e fare della Puglia sempre più parte d’Europa”. Questa la dichiarazione entusiasta del Premier italiano, pronunciata alla presenza delle massime autorità politiche nazionali e regionali nonché dei rappresentanti delle associazioni di categoria degli imprenditori.

ASSENTE INGIUSTIFICATO, INVECE, IL SINDACO DELLA CITTÀ OSPITANTE!!!

Rilancio dell’occupazione, riqualificazione della zona industriale modugnese, non sono evidentemente una priorità del Sindaco Magrone.

Come pensa il primo cittadino modugnese di risolvere la crisi economica di questo territorio?

Quali provvedimenti urgenti intende assumere rispetto ad un aumento drammatico della disoccupazione e delle nuove povertà a Modugno?

Che importanza hanno le politiche del lavoro nell’agenda programmatica del sindaco Magrone?

Quali iniziative ha assunto fino ad oggi l’assessorato alle attività produttive?

Dopo le ferragostane farneticazioni rispetto alla vicenda OM Carrelli (“La Kion ceda la fabbrica al Comune di Modugno”), ed alle quali invece è seguito un totale disimpegno, IL SINDACO NICOLA MAGRONE CONFERMA LA TOTALE INCAPACITÀ DELLA SUA AMMINISTRAZIONE A COSTRUIRE PERCORSI CONDIVISI CON LE REALTÀ IMPRENDITORIALI E LE PARTI SOCIALI DEL NOSTRO TERRITORIO.

Comunicato stampa: Grazie

4374 GRAZIE!

 Il Partito Democratico di Modugno incrementa le sue preferenze.

L’impegno, la passione, la credibilità del locale circolo democratico sono stati premiati dagli elettori modugnesi con un considerevole 33,17% .

In soli 11 mesi il PD di Modugno, che alle scorse amministrative aveva conseguito il 6,66% delle preferenze di lista, ha quintuplicato il proprio consenso nelle urne.

Ai neo parlamentari europei Gianni Pittella ed Elena Gentile i migliori auguri di un proficuo lavoro in Europa, nella certezza che sapranno rappresentare al meglio le istanze del nostro territorio.

AZZERAMENTO DELLA TASI: L’ENNESIMO BLUFF DEL SINDACO MAGRONE!!

Il sensazionalismo del sindaco Magrone non conosce limiti: dopo aver promesso tutto e il contrario di tutto in questi undici mesi di amministrazione, ora ci racconta la favoletta dell’azzeramento della TASI.

Un minor gettito di circa 800 mila euro per le casse comunali che questa amministrazione dice di voler bilanciare con l’aumento dell’IMU sulla seconda casa e genericamente con un “correlato incremento dell’addizionale IRPEF”.

A QUANTO AMMONTA QUESTO INCREMENTO? QUALI SCAGLIONI DI REDDITO NE SONO INTERESSATI?

Sulla base di quali valutazioni contabili, in assenza di un esatta indicazione di quei valori, gli Uffici hanno espresso come “favorevole” il parere di regolarità tecnica di quella proposta?

Tante domande a cui questa amministrazione, abituata a governare con populistici lanci di agenzie di stampa, e solo con quelli, NON SA RISPONDERE.

Il Partito Democratico di Modugno è favorevole ad ipotesi di riduzione o azzeramento della TASI, purché accompagnate da SERIE, CONCRETE, SOSTENIBILI, proposte di compensazione dei minor introiti prospettati.

Per queste ragioni, il Partito Democratico di Modugno ha espresso voto CONTRARIO alla fumosa proposta di azzeramento della TASI.

CANILE COMUNALE, PARCO URBANO EX CEMENTERIA, INNOVAZIONE TECNOLOGICA, RISANAMENTO AMBIENTALE, RILANCIO IMPRESE IN CRISI, INTERRAMENTO ELETTRODOTTO ZONA CECILIA: CON QUALI RISORSE QUESTA AMMINISTRAZIONE INTENDE REALIZZARE  LE PROPRIE SCELTE POLITICHE ANNUNCIATE A MEZZO STAMPA, SE NON E’ CAPACE DI DIRE COME FAR QUADRARE IL BILANCIO, PER ESEMPIO CON L’AZZERAMENTO DELLA TASI?

QUESTA AMMINISTRAZIONE INTENDE SERIAMENTE GOVERNARE IL PAESE O CONTINUARE IMPUNEMENTE A RACCONTARE CHIACCHIERE?

LO STATUTO SECONDO COSTITUZIONE

LO STATUTO SECONDO COSTITUZIONE

“La maggioranza conosceva bene la relazione dell’assessore per averla ampiamente dibattuta nelle sue riunioni preconsiliari: non aveva dunque altro da fare se non approvare il bilancio. Come ha fatto. “

Così Italia Giusta secondo la Costituzione nel comunicato diffuso circa la seduta di approvazione del bilancio consuntivo 2013, svoltasi il 30 aprile scorso.

La maggioranza, si scrive, conosceva bene la relazione. Perché leggerla ed illustrarla in consiglio, ordunque? Una sicura perdita di tempo per le membra stanche di questa amministrazione che decide le sorti della città nelle “riunioni preconsiliari”.

L’aula consiliare? Un luogo vacuo.

I cittadini presenti in consiglio comunale?  Un superfluo complemento d’arredo.

MENTRE MODUGNO AFFONDA TRA MILLE EMERGENZE ECONOMICHE E SOCIALI, IL SINDACO MAGRONE CI DICE CHE IL CONSIGLIO COMUNALE E’ NIENTE DI PIU’ CHE UN INUTILE ORPELLO. ​

MAGRONE E LE EMERGENZE AMBIENTALI

MAGRONE E LE EMERGENZE AMBIENTALI: SERVIZIO “TEMPORANEAMENTE” SOSPESO!

Mentre il Sindaco è impegnato disperatamente a raffazzonare una maggioranza numerica (quella politica e programmatica non è mai esistita!), i modugnesi si interrogano su alcune questioni ambientali:

-       RACCOLTA DIFFERENZIATA. All’atto dell’insediamento dell’amministrazione Magrone si attestava al 15,49%, ma dopo soli sei mesi di una gestione distratta e insipiente Modugno può “vantare” una differenziata all’11,92%. Il minimo storico.

-       RETE COMUNALE PER IL MONITORAGGIO DELLA QUALITA’ DELL’ARIA. Il servizio è “temporaneamente” sospeso da marzo 2013. Così ci racconta il sito internet del Comune. Temporaneamente, infatti. Come temporaneamente sospesa dal suo insediamento è l’attenzione di questa amministrazione rispetto alle gravi emergenze ambientali di questo territorio.

-       EX CEMENTERIA E PARCO URBANO. Ricordate la famosa “bomba ecologica”? Uno dei cavalli di battaglia dell’allora candidato sindaco Magrone. Ma ora Sindaco lo è veramente. Dopo i sensazionali lanci di agenzia sulla imminente realizzazione del parco urbano, aspettiamo ancora di sapere con quali soldi si farà. Nel frattempo ci accontenteremo dei fiori da disegnare sulla gradinata del cisternone. Sempre fiori sono.

-       ECOFUEL. Dopo il consiglio comunale preteso dalle minoranze, non se ne è più parlato. Nulla dicono il sindaco e l’assessore. Vi interessa avere ulteriori notizie su questa minaccia ambientale? Cercatevele da soli.

LA SALUTE DEI CITTADINI, COSA SARA’ MAI PER IL NOSTRO SINDACO?

 IL SINDACO HA ALTRO DA FARE: OGGI UNA CERIMONIA DI QUA, DOMANI UN FESTEGGIAMENTO DI LA’….

Garanzia Giovani

Parte il 1° maggio il Piano Nazionale per offrire ai Neet opportunità di lavoro e formazione

Immagine associata al documento: Euro per garantire a tutti i giovani tra i 15 ed i 29 anni, disoccupati o  Neet (né occupati, né studenti, né coinvolti in attività di formazione)  un’offerta qualitativamente valida di lavoro, proseguimento degli studi, apprendistato, tirocinio, altra misura di formazione o inserimento nel  servizio civile. Sino al 31 dicembre 2015, i giovani interessati potranno aderire all’iniziativa attraverso il sito web nazionale www.garanziagiovani.gov.it o i siti attivati dalle Regioni, comunque collegati in rete fra loro.  Con l’adesione i giovani potranno scegliere la Regione in cui vogliono  lavorare (non necessariamente quella di residenza).
La Regione scelta “prenderà in carico” la persona attraverso i  Servizi per  l’Impiego, o le Agenzie private accreditate, per effettuare la  profilazione, la registrazione al programma (è necessario infatti  verificare i requisiti di età e di condizione occupazionale) e le fasi  successive di orientamento. In base al profilo e alle disponibilità territoriali, i giovani stipuleranno con gli operatori competenti un “Patto di servizio” e, entro i quattro mesi successivi, riceveranno una o più opportunità tra:

  • Inserimento al lavoro;
  • Apprendistato;
  • Tirocinio;
  • Istruzione e Formazione;
  • Autoimprenditorialità;
  • Servizio civile.

L’allocazione delle risorse tra le diverse misure del Programma è  stabilita dalle singole Regioni, che definiscono anche le modalità  organizzative e di attuazione degli interventi sul proprio territorio a  partire da linee guida condivise a livello nazionale.
I costi sostenuti per i servizi per l’impiego e per le misure saranno  riconosciuti in base ai risultati e ai percorsi attivati, non per le  “prese in carico”.
Sito di riferimento: www.garanziagiovani.gov.it