comunicato stampa

La  richiesta  di  rimettere  in  discussione  il  percorso  avviato  da  tempo  dal  CentroSinistra  a  Modugno e,  soprattutto,  l’intervento  dei  Partiti  Regionali  in  un  processo  prettamente territoriale  che  ha visto   la   volontà   di   ricompattare   esperienze   e   storie,   di   gruppo   e    personali,   per   la   costruzione condivisa  di  un  progetto  per  il  governo  della  comunità modugnese,  non  solo  giunge  tardiva  ma risponde   a   logiche   ormai   logore   che   ripropongono   l’idea   che   le   decisioni   possano   essere determinate  dall’alto  piuttosto  che,  come  si  è  fatto  in  questi  mesi,  dal  basso.
La   candidatura   di   Fabrizio   Cramarossa   è   frutto   di   un   percorso   lungo   e   condiviso   dalle   tante espressioni  che  animano  il  CentroSinistra  modugnese:  pecca  di  presunzione  chi  ritenendola  una candidatura  targata  PD  crede  di  poter  rideterminare  con  pressioni  esterne  il  percorso  intrapreso  e che,  attraverso  la  capacità  di  aggregare,  sta  dando  risultati  che  sono  sotto  gli  occhi  di  tutti.
E’   opportuno,   laddove   ancora   persistano   dubbi,   sottolineare   che   Fabrizio   Cramarossa   è   il  candidato  sindaco  della  coalizione  del  CentroSinistra  e  non  del  solo  PD,  e  qualunque  scelta  deve essere  condivisa  dalla  coalizione.
Certo,  un  pezzo  della  Sinistra  ha  scelto  di  intraprendere  strade  diverse  facendo  mancare  il  proprio contributo   ad   un   processo   di   ricongiunzione   che   non   poteva   attendere   oltre   di   fronte   ad   uno scenario   cittadino   privo   di   ipotesi   serie,   seppure   alternative,   per   restituire   alla   comunità   un governo  capace  di  rispondere  ai  bisogni,  sempre  più  crescenti,  delle  persone.
L’ipotesi  delle  Primarie  quale  strumento  per  indicare  un  candidato  Sindaco  è  stata  superata  dalla consapevolezza  che  una  classe  politica  che  si  propone  per  il  governo  della  città  deve  assumere  su se  stessa  la  responsabilità  di  indicare  il  collettore  di  un  progetto  quale  è  il  candidato  Sindaco.
Senza  paraventi  o  vie  di  fuga  precostituite.
Il   percorso   intrapreso   non   potrebbe   che   arricchirsi   con   il   contributo   dei   compagni   e   delle compagne  di  SEL  e  della  Puglia  in  Più  con  i  quali  abbiamo  sempre  auspicato  un  confronto  e  dei quali  conosciamo  e  stimiamo  le  qualità  di  pensiero  e  organizzative.
Riteniamo,   inoltre,   che   vi   sia   anche   una   sostanziale   convergenza   sull’idea   della   “città   che  vogliamo”.
I  margini  per  l’unità  del  CentroSinistra  alla  quale  fanno  appello  i  Partiti  Regionali,  attraverso  la stampa   piuttosto   che   attraverso   un   confronto   con   la   coalizione   che   sostiene   la   candidatura   di Fabrizio  Cramarossa,  ci  sono  tutti  con  porte  che  non  si  sono  mai  chiuse.
Certo  non  attraverso  la  messa  in  discussione  di  quanto  fino  ad  ora  costruito  e  sicuramente  non con  il  ricorso  alle  primarie  (questione  ormai  ampiamente  superata  e  chiusa).
Modugno,  20  febbraio  2015